Have you ever been to…

Brussel?
I did last month and I spent a very goooood time. And I wasn’t alone, so even better 🙂
Amazing chocolate (and waffels), beautiful city and views, french look a like buildings and streets and a lot of shops (nice for windows-shopping :P). I just enjoyed my 3 days spent there and I took a lot of pictures, some of them are too nice not to show you, my friends.
And I also got familiar with AirBNB website, which seems a good solution to stay in an other city and a nice alternative to hotels and bed and breakfast! I found an accomodation in the city centre (2 minutes from Manneke Pis) for a quite ridiculous price, while all the hotels and rooms were full for a convention in the Brussel’s expo.
And guess what?! I spent also a half day in Antwerp, which is a little bit more commercial and has a huge shop street, but I didn’t have time to visit the old part, maybe next time!
Ooooh… I just love travelling! And I love sharing my journeys with a lovely company! 😉

Keukenhof 2013.

If you like Holland countryside and flowers you probably know about Keukenhof.
Keukenhof is a three-months kind of festival dedicated entirely to flowers and gardening: every kind of piece of nature is housed in a huge park nearby Lisse, a small town between Haarlem and Leiden. Words cannot describe the beauty and the elegance of those pieces of mother nature art, they’re so incredibly marvellous and astonishing, so I’m going to show you some photographs I made.
Prepare to stare and blink your eyes to the power of nature…

Amsterdam.

I did it. I succeded.
It’s not easy to describe my happiness, my feelings, my joy, but I’m so proud of myself. I cannot really realize at this moment but I did it.
I found a job. I found a job in my favourite city, in my second home-country. I went away from Italy. I had the opportunity.
I changed my life. I followed my dreams and I’m making them coming true. I changed my life because I wanted so much. I made choices, even if they were difficult.

I’m almost speechless, my smile talks in my place.

I think I will update my blog in english from now, just to improve myself and to be in contact with english-speaking-people as well. I will blog about my experience here, my recipes, my life, my thoughts as I did untill now. Probably I will write something in italian, something in dutch. I have a lot of things to do, do discover, to see, to feel.

I’m happy. That’s the best thing.tumblr_mdv0nm8ltA1r2bljmo1_1280_large_edited-1 copy

210213-1427(001)

9915140C1EB2E8C78C0F6508EFC41973

Un giorno al museo.

Io adoro viaggiare e, di conseguenza, quando sono in una città mi faccio almeno una capatina in un museo del posto, oppure programmo una gita con l’obiettivo di visitare una mostra temporanea o un museo di particolare rilevanza. Detto, fatto. Un mese fa, durante la mia permanenza olandese, mi sono fatta un giretto di due orette abbondanti al Gemeente Museum di Den Haag, dove ho potuto ammirare  collezioni ed opere che mi hanno tolto davvero il respiro. Esageraaaaaata! Soffrirò della sindrome di Stendhal?! Magari ne soffriamo un po’ tutti davanti a delle creazioni che non ci aspettavamo potessero esistere o addirittura superano la nostra immaginazione.
E così ho potuto deliziarmi con opere di Rembrandt,Vermeer e i grandi classici della Mauritshuis, Hans van Bentem e la sua collezione “Keep on Dreaming” davvero onirica, le collezioni private che mi hanno davvero colpita con pitture e sculture moderne, la Summer Expo, la collezione dedicata all’oro di Java, le porcellane del 1700 fiammingo e la moderna architettura con riproduzioni di Rietvelt, Mondrian e i seguaci de “De Steijl“. I miei occhi non sapevano più dove guardare! Ma lasciamo parlare le immagini per me…


Davvero una bellissima esperienza che ovviamente consiglio a tutti gli appassionati e non!

Dal finestrino…

Adoro viaggiare, specialmente in treno e in aereo, restare per ore a guardare dal finestrino con le cuffiette del mio lettore mp3 ben spinte nei lobi. L’iride corre a ritmo del convoglio che mi porta lontana, si posa come un ape sul nettare dei dettagli qua e là nel panorama al di fuori, prima a destra, poi a sinistra: un albero particolarmente alto o basso che spicca tra gli altri, una donna che stende le lenzuola appena lavate al sole, le onde del mare che si infrangono sugli scogli vicini ai binari, un cane che corre felice verso il suo padrone sulla spiaggia deserta nei mesi freddi. E la musica che intanto risuona nelle mie orecchie, una ballata, un pezzo rock, mi aiutano a girovagare nei miei pensieri mentre osservo la realtà che mi scorre davanti al di là del vetro. Un raggio di sole fa capolino tra nebbia e nubi, il bagliore riflesso nel mio sguardo lo nutre. Specchi d’acqua, distese d’erba, montagne su cui si inerpicano case solitarie, campanili che spiccano tra i tetti delle case. Chiudo gli occhi e mi ristoro con queste immagini, cullandomi nell’abbraccio delle note della mia canzone preferita.

View from a Speeding Train 8 (French Riviera), Amanda van Gils